COME VIVIAMO I NOSTRI SPAZI?

Aggiornamento: 27 ott 2020



Sono giornate intense, ritmi insistenti, nonstante capisca che condividere è importante tanto quanto lavorare, fatico a prendere nota di ciò che faccio e che vorrei comunicare.

Mi lascio trasportare dalla sensazione di pienezza, quando realizzo che sto facendo esattamente ciò che mi piace fare: aiutare il mio cliente a comunicare, in termini abitativi, la sua unicità.

Ogni cliente, mettendosi in gioco, offre anche a me la possibilità di scoprire o approfondire aspetti che ancora non conosco.

Elena è essenziale, mi permette di cogliere l’importanza di stare in una casa, godendo degli spazi della stessa.




Provare il piacere di muoversi nello spazio. Che è altro rispetto a muoversi tra oggetti ed arredi.

Percepire la luce, osservare i giochi di luce.

Gli sorci, le vedute che dalla casa entrano e ne diventano parte.

Pochi arredi.

L’essenziale.

Pochi arredi ma scelti con cura, preziosi ed unici.









Una scelta che richiede il tempo, le maestranze e l’occasione giusta per trovare o creare quello che ci corrisponde.

Non è facile ma sicuramente affascinante e nutriente.

Creare è un’esperienza unica.

Come unica è l'esperienza che vivo ogni volta che mi muovo all'interno di uno spazio.



Ognuno di noi è unico, anche se ce ne dimentichiamo.

Spesso rimaniamo bloccati alla sola idea di mostrare la nostra unicità; che buffi siamo!

Oppure possiamo rinunciare ad esprimere ciò che siamo, anche solo per pigrizia, od iniziale incapacità.

La buona notizia?

Quando impariamo a percepire la differenza che passa tra vivere gli spazi invece che vivere tra gli oggetti, tutto diviene più semplice e leggero, e realizziamo che possiamo anche osare.

Siamo quello di cui ci attorniamo.

Oltre alle persone, cose e spazio raccontano tutto di noi.



Oggetti o luce, aria, scorci e vedute.

E tu, come vivi i tuoi spazi?

Ci hai mai fatto caso?

C'è anche chi sostiene che ci sia una precisa relazione tra come viviamo i nostri spazi e come utilizziamo il nostro tempo, ma di questo, magari, ne parleremo un’altra volta.

Per ora accontentiamoci di osservare la qualità degli spazi nei quali ci muoviamo.

Buona osservazione!

48 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti