HOME STAGING Tecnica di marketing, un investimento!



Hai deciso di cambiare casa ma prima devi vendere quella che hai?

Hai già provato a metterla sul mercato ma hai raccolto solo delusioni?

Hai deciso di vendere il tuo immobile ma non sai da che parte cominciare?

Vuoi valorizzare al massimo la casa che stai mettendo in vendita?


Se hai uno spazio da vendere, mi piace affiancarti nella preparazione dei tuoi ambienti. Il primo passo, sarò ripetitiva, è liberare i locali dal superfluo e da tutto ciò che è personale.

A questo scopo ti propongo l'home staging una tecnica di marketing immobiliare pensata per proprietari di case, desiderosi di venderle o affittarle al meglio. Ecco i passaggi principali per accogliere le visite dei potenziali acquirenti: Definizione del reale valore di mercato (e qui servirà un approfondimento ad hoc). Ambienti allestiti per mettere in risalto le potenzialità dell'immobile. Foto professionali ed emozionali da veicolare sui migliori canali di promozione immobiliare per  selezionare i contatti.

Il mio obiettivo è affiancarti affinchè tu possa realizzare anche tutto in autonomia. Ritengo quindi importante condividere con te quelli che sono gli ingredienti vincenti degli allestimenti che propongo e che io stessa, in prima persona, ho sperimentato. Ecco alcuni passaggi di un articolo, scritto un anno fa ma ancora assolutamente attuale, che ci aiuta ad avvicinarci al mondo dell'Home Staging.


CHE COS’È l’HOME STAGING?

L'Home Staging è riconosciuta come una tecnica di marketing immobiliare, un servizio personalizzato, low-cost, semplice ma efficace per vendere o affittare immobili in meno tempo, esaltandone le potenzialità e trasformando la prima impressione in un successo.

Ridare ordine ed evidenziare le potenzialità del tuo immobile sono passi fondamentali perché il valore della tua casa venga riconosciuto ed apprezzato.

Il cliente realizza la sua scelta durante i primi secondi della visita. Ecco perché la prima impressione è fondamentale.

Un servizio a base di senso estetico, ma soprattutto di buon senso: l'obiettivo è ottimizzare l'abitazione e distinguere il proprio immobile dagli altri, creando quell’ambiente che catturi immediatamente l’interesse del potenziale cliente: se è la casa che fa per lui, se ne accorge subito!

L’analisi dello stato di fatto è fondamentale per definire quale tipo di investimento è appropriato fare, e quali interventi consentiranno di ottimizzare le risorse disponibili.

Chi è l’Home Stager? Un professionista capace di valorizzare anche il più malridotto degli appartamenti per poi presentarlo sul mercato. La figura dell'Home Stager si deve a Barb Schwarz ed è presente da oltre 20 anni negli Stati Uniti. L'home stager si occupa di valorizzare e migliorare gli immobili in vista di una vendita o di un affitto con interventi rapidi e poco invasivi. È una figura eclettica, versatile, che ha ben presente aspetti di marketing, comunicazione ed immagine della casa.

Lo Stager affianca l’agente immobiliare o il costruttore nella definizione delle strategie di vendita ma lascia loro l’attività di commercializzazione, occupandosi invece degli aspetti più prettamente scenografici ed emozionali. Così l'Home Stager prepara il progetto di allestimento, si dedica al riordino e alla valorizzazione degli spazi arredando ma anche "disarredando", prepara infine le fotografie e gli annunci per le inserzioni.

Ogni intervento è unico, ogni volta è necessario identificare quali sono gli interventi necessari affinchè tutto il necessario venga portato a termine, evitando il tranello del superfluo.

L'obiettivo è rendere il proprio immobile più competitivo, più appetibile rispetto agli altri, ma anche il più possibile “spersonalizzato” in modo che gli spazi possano essere apprezzati dai possibili acquirenti per le loro caratteristiche distributive e strutturali, non per gli orpelli che la adornano.

Oggi sono tantissime le offerte sul mercato e l'immediatezza delle ricerche web ne aumenta ancor più la visibilità, perciò chi vuole vendere o affittare la propria casa ha bisogno di distinguersi dalla concorrenza.

L'Home Staging è quindi anche una tecnica di marketing strategica: valorizzare un'abitazione preparandola per la vendita o la locazione, migliorandone l'immagine prima di immetterla sul mercato, significa creare un "prodotto" più appetibile che attirerà l'attenzione di un maggior numero di possibili clienti. Lo scopo è far scoccare il colpo di fulmine: la prima impressione è quella che conta e vi è sempre una sola occasione per suscitarla.

Si compra ciò che si vede e una casa “non staged” spesso nasconde o soffoca i pregi e ostenta quei difetti che allontanano il cliente da una possibile valutazione d'acquisto.


PERCHÉ HOME STAGING

Spesso vendere casa non è un impresa facile perché non si riesce a presentarla nel modo migliore.

Gli annunci sono spesso vaghi, incompleti, standardizzati, con pessime fotografie e il più delle volte totalmente inadatti ad attrarre, se non proprio controproducenti.

Le visite nelle case poi sono deprimenti: i proprietari lasciano in disordine, mobili ed oggetti sono trascurati, ma soprattutto gli ambienti sono soffocati se non soffocanti.

Le stanze sono disordinate e piene di cose superflue. In cucina, posta, bollette e calamite invadono il frigorifero, barattoli scompagni per pasta e zucchero, non trovando più posto nell'armadietto, si accalcano tra lavandino e piano cottura, fotografie e cornici sovrastano i mobili del soggiorno o soffocano le pareti, mensole strapiene di oggetti di ogni tipo, compresi trofei, santini, idoli e gagliardetti, invadono camere e camerette.

In queste condizioni è quasi impossibile leggere le caratteristiche architettoniche della casa e capire se quella casa potrebbe essere quella giusta. L'acquirente non riesce a soffermarsi sulla geometria dell'appartamento, sull’architettura degli spazi ma resta solo pesantemente influenzato dal disagio generato da come quella casa viene ora vissuta, non riuscendo il più delle volte a distaccarsi da ciò che vede e immaginare la propria di vita in quegli spazi.

Lo stesso accade tuttavia per le case vuote, e ancor più per le case in costruzione, dove la mancanza di riferimenti spaziali non aiuta, chi non è del mestiere, a valutare l'effettiva dimensione degli ambienti e la loro potenzialità in termini di abitabilità.


COSA SI FA e COME SI FA

Questo il percorso:

si visita l'abitazione Inizia da un attento studio dei locali vuoti o arredati, per poi effettuare una valutazione specifica degli interventi, per poter realizzare un allestimento efficace

si presenta al proprietario un sintetico Rapporto nel quale sono elencati gli interventi di piccola manutenzione (mai invasiva), pulizia e riordino ritenuti necessari per preparare gli ambienti per l'allestimento;

si propone l'Intervento vero e proprio: si può decidere di cambiare la disposizione dei mobili, togliere di mezzo gli oggetti superflui, oppure riorganizzare gli ambienti in modo più ordinato, magari semplicemente aggiungendo un tappeto colorato, una tenda o un grande specchio, spostare ciò che soffoca o toglie luce ai locali ed eventualmente ritinteggiare le pareti o effettuare piccoli ritocchi per dare una rinfrescata.

Nel caso di ambienti vuoti, come cantieri o appartamenti lasciati liberi dai precedenti occupanti, l’arte dello staging si avvale di alcuni trucchi del mestiere come le “vignette”: sono scene suggestive create con pochissimi arredi che hanno lo scopo di suggerire al potenziale compratore l'uso che si potrebbe fare di quello spazio.

Lo stager pone infine attenzione al servizio fotografico: quello scatto è il biglietto da visita con cui ci si propone sul mercato ed è determinante nel suscitare o meno l’interesse dei potenziali acquirenti.


I RISULTATI

A parità di tipologia ed ubicazione una casa “staged” si vende o si affitta meglio e molto più in fretta: con un investimento di circa il 2% del valore dell'immobile si può ottenere anche il 10% in più rispetto al ricavo che ci si aspettava inizialmente e mediamente si riesce a vendere o affittare in meno della metà del tempo.

Sensibilmente ridotta in ogni caso la forbice tra prezzo richiesto e valore finale di compravendita: se mediamente per un’abitazione in Italia si concede uno sconto intorno al 13%, con interventi di Home Staging si scende al 3 - 5%.

Individuato ed effettivo il valore di mercato determinato dall’agente immobiliare, il servizio di Home Staging garantisce di velocizzare i tempi e diminuire lo sconto. Questo perché anche la psicologia...vende!

Vantaggi per chi vende ma anche per chi compra: una casa “spersonalizzata”, epurata dal vissuto del proprietario, aiuta chi compra a decidere in maniera consapevole se la casa che si sta visitando è quella giusta per le proprie esigenze, aiuta chi compra ad immaginarla come la propria futura casa.


Prenotate la vostra consulenza e mettete subito a frutto questa arte di preparare casa, ottimizzando la vostra vendita,

32 visualizzazioni
  • Facebook
  • Pinterest
  • Instagram